Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Quali sono le conseguenze del nuovo piano di Biden per fermare i migranti?

Il provvedimento del presidente Biden per limitare le richieste d'asilo ha suscitato forti critiche e preoccupazioni per la sicurezza dei migranti al confine tra Guatemala e Messico.
  • Circa 5.000 persone attraversano il confine tra Guatemala e Messico ogni giorno, sperando di raggiungere gli Stati Uniti.
  • Il costo per attraversare il fiume Suchiate con i 'coyote' è di circa 600 pesos messicani (circa 35 euro).
  • Il presidente Biden ha limitato l'ingresso a 2.500 migranti al giorno, con espulsioni per chi supera questa soglia.
  • Solo il 10% dei migranti riesce a registrarsi come richiedente asilo in Messico, entrando in una rotta istituzionale sotto la protezione dell'Unhcr.

Sulla sponda del fiume Suchiate, al “passaggio del Coyote” di Ciudad Hidalgo, ogni giorno circa 5.000 persone attraversano il confine tra Guatemala e Messico, sperando di raggiungere il tanto agognato “Sogno americano”. Tra questi migranti, molti sono bambini e adolescenti, come una ragazzina di quindici anni che, nonostante le numerose esperienze traumatiche vissute, continua a lottare per un futuro migliore.

La vita al confine è dura e pericolosa. I migranti sono spesso vittime di violenze, estorsioni e abusi da parte dei cartelli della droga e delle autorità corrotte. Per attraversare il fiume, molti si affidano ai “coyote”, barcaioli che chiedono circa 600 pesos messicani (circa 35 euro) per il passaggio. Chi non ha soldi è costretto a guadare il fiume con l’acqua sporca, portando i propri effetti personali sulla testa.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha recentemente firmato un ordine esecutivo che limita l’ingresso a 2.500 migranti al giorno. Superata questa soglia, chi entra illegalmente viene rispedito a casa. Durante la pandemia, il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador aveva accettato 30.000 immigrati deportati dagli Stati Uniti con il programma “Quedate en Mexico” (resta in Messico). Tuttavia, solo il 10% dei migranti riesce a registrarsi come richiedente asilo in Messico, entrando così in una rotta istituzionale sotto la protezione dell’Agenzia dell’ONU per i rifugiati (Unhcr).

Il piano di Biden per fermare i migranti

Il presidente Biden ha annunciato un provvedimento che limita la possibilità di presentare richiesta d’asilo al confine. La nuova norma prevede che il governo blocchi le domande d’asilo quando gli attraversamenti irregolari superano i 2.500 al giorno per una settimana. I migranti che superano il confine illegalmente saranno espulsi in Messico o nei loro paesi d’origine. La valutazione delle richieste tornerà alla normalità quando il numero di ingressi giornalieri scenderà sotto i 1.500 per sette giorni consecutivi.

L’amministrazione Biden ha posto l’accento sulla necessità di ottimizzare le procedure per l’asilo, scoraggiando l’immigrazione e sveltendo la burocrazia, appesantita da tre milioni di richieste arretrate. Tuttavia, organizzazioni per la difesa dei diritti umani e giuristi criticano la decisione, considerandola una mossa politica. Amy Fischer, che si occupa di diritti migranti per Amnesty International, ha dichiarato che la norma non è una risposta adeguata all’aumento degli ingressi, ma piuttosto una mossa elettorale per apparire intransigenti in un dibattito televisivo con Donald Trump.

Critiche e conseguenze della nuova politica migratoria

La decisione di Biden di limitare le richieste di asilo al confine meridionale degli Stati Uniti ha suscitato forti critiche da parte di Medici Senza Frontiere (MSF) e altre organizzazioni umanitarie. Avril Benoît, CEO di MSF USA, ha dichiarato che firmando questo ordine, Biden ha tradito la promessa di costruire un sistema di immigrazione equo, sicuro e umano. La nuova politica mette in pericolo le persone vulnerabili, costringendole a rimanere in città insicure in Messico e aumentando il rischio di violenze e abusi.

L’American Civil Liberties Union (ACLU) ha annunciato che farà causa all’amministrazione Biden, sostenendo che il decreto viola il diritto di richiedere asilo. Secondo Lee Gelernt, vicedirettore del progetto per i diritti immigrati dell’ACLU, l’ordine esecutivo è illegale e non rispetta le leggi sull’immigrazione.

L’intricata questione del confine con il Messico

Le elezioni presidenziali di novembre si avvicinano, e la situazione al confine con il Messico rimane uno dei principali grattacapi per la presidenza Biden. Il quadro normativo per gli immigrati irregolari è regolamentato dal Titolo 8, che consente a tutti coloro che entrano negli Stati Uniti di fare domanda di asilo. Tuttavia, a marzo 2020, l’ex presidente Trump aveva riportato in vigore il controverso Titolo 42, che permetteva di rispedire i migranti irregolari al confine senza attendere l’esito della loro domanda di asilo.

Biden ha eliminato il Titolo 42 allo scadere dell’emergenza pandemica a maggio 2023, ma la situazione al confine è diventata ancora più critica. La vicepresidente Kamala Harris ha cercato di concentrarsi sulle cause radice del fenomeno, investendo nei paesi principali fonte di emigrazione verso gli Stati Uniti: El Salvador, Guatemala e Honduras. Tuttavia, il piano si è rivelato fumoso e Harris è stata criticata sia dalla destra che dalla sinistra.

Nel frattempo, il segretario alla sicurezza nazionale Alejandro Mayorkas ha cercato di rafforzare la sicurezza al confine tramite nuovi dispositivi di controllo e l’assunzione di nuovi agenti della polizia di frontiera. Tuttavia, i repubblicani hanno chiesto un deciso cambio di passo, iniziando un difficile negoziato con il partito democratico che non ha portato a nulla.

Bullet Executive Summary

Il tema dell’immigrazione al confine tra Guatemala e Messico è una questione complessa e delicata, che coinvolge migliaia di persone in cerca di un futuro migliore. La recente decisione del presidente Biden di limitare le richieste di asilo ha suscitato forti critiche e preoccupazioni riguardo all’impatto sulla salute e la sicurezza dei migranti. Tuttavia, è importante ricordare che dietro ogni numero e statistica ci sono storie di vita, speranze e sogni.

Nozione base: L’invecchiamento e la cura dei migranti sono aspetti cruciali da considerare. Molti di loro affrontano viaggi estenuanti e pericolosi, mettendo a rischio la loro salute fisica e mentale. È essenziale fornire loro assistenza medica adeguata e protezione durante tutto il percorso migratorio.

Nozione avanzata: Le migrazioni forzate spesso derivano da conflitti, persecuzioni e condizioni di vita insostenibili nei paesi di origine. Affrontare le cause radice del fenomeno migratorio richiede un approccio globale e coordinato, che includa investimenti nei paesi di origine per migliorare le condizioni di vita e promuovere lo sviluppo economico e sociale.

In conclusione, la questione dell’immigrazione al confine tra Guatemala e Messico è un tema complesso che richiede soluzioni a lungo termine e un impegno costante da parte delle istituzioni internazionali. Solo attraverso un approccio umano e inclusivo sarà possibile garantire un futuro migliore per migliaia di persone in cerca di speranza e dignità.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *