Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Come creare opportunità di solidarietà e pace attraverso le migrazioni

Scopri le strategie innovative discusse a Catanzaro per trasformare le sfide migratorie in occasioni di inclusione e coesione sociale.
  • La legge regionale n. 26 del 28 giugno 2023 ha diviso il paese tra migranti di passaggio e quelli che si stabiliscono definitivamente, con seconde e terze generazioni protagoniste di produttività e ripopolamento.
  • Jean Renè Bilongo ha sottolineato che in Italia l'integrazione è pari a zero e che non ci sono chiare coordinate su che tipo di integrazione raggiungere.
  • L'evento ha evidenziato la necessità di una riforma legislativa chiara e di personale qualificato per migliorare il sistema di accoglienza.

Stamattina, presso la Sala Palazzo delle Esposizioni ex STAC di Catanzaro, si è svolto l’incontro “MigrAZIONI: sfide per creare opportunità di solidarietà e pace”, organizzato dalla Fondazione Città Solidale, l’Arcidiocesi di Catanzaro Squillace (Ufficio Migrantes) e la Fondazione Migrantes. La mattinata è stata moderata dalla giornalista Carmela Commodaro, che ha guidato i relatori in un viaggio tra buone prassi e sogni da realizzare.

L’evento si è aperto con i saluti di Sua Eccellenza Mons. Maniago, Arcivescovo metropolita di Catanzaro Squillace e Vice Presidente della CEC, che ha espresso soddisfazione per l’iniziativa, sottolineando l’importanza di riflettere sul tema e di agire. Ha ringraziato i relatori e i giovani presenti, affermando che con loro i sogni e i desideri acquistano importanza, mettendo al centro l’essere umano e il suo valore.

Padre Piero Puglisi, Direttore dell’Ufficio Migrantes e Presidente della Fondazione Città Solidale, ha definito l’impegno di Migrantes con i migranti in città come una sinergia costruita attraverso una rete di accoglienza per adulti, famiglie e minori stranieri. Ha portato i saluti del Prefetto di Catanzaro, Vice Prefetto Dirigente Area Immigrazione, dott.ssa Roberta Molè, che ha parlato delle azioni in rete con vari enti per attivare percorsi di inclusione, regolarità sul territorio, formazione e inclusione lavorativa.

Interventi e Riflessioni sulla Legge Regionale

La mattinata formativa-informativa è proseguita con una riflessione sulla legge regionale del 28 giugno 2023, la n. 26, guidata dall’On. Ernesto Alecci, Consigliere Questore della Regione Calabria. Alecci ha descritto un paese diviso in due, tra migranti di passaggio in Italia e quelli che si stabiliscono definitivamente, con seconde e terze generazioni che diventano protagonisti di produttività e ripopolamento.

Mons. Francesco Savino, Vescovo della Diocesi di Cassano e referente Migrantes per la Calabria, nonché Vice Presidente della CEI, ha approfondito il binomio umanità-accoglienza, conducendo l’uditorio a riflettere sullo stile di accoglienza e sulla coscienza dei processi necessari per il cambiamento. Ha sottolineato che la Chiesa, pur essendo spesso tacciata di ingerenza, opera in richiamo al Vangelo con un impegno costante, soprattutto in un’ottica sinodale.

Mons. Gian Carlo Perego, Presidente della Migrantes Nazionale, ha raccontato l’esperienza della sua diocesi (Ferrara-Comacchio) e spiegato l’attuale Carta di Siena come rilettura della storia sociale del dopoguerra. Ha affermato che una città deve vivere e fare incontrare persone, e che servono misure legislative idonee. Ha sottolineato che il mondo dei richiedenti asilo e rifugiati non è di esclusivo interesse e responsabilità dell’Italia, ma dell’Europa intera.

Iniziative e Progetti di Inclusione

L’avv. Matteo Biffoni, Sindaco di Prato e delegato ANCI all’Immigrazione e Politiche dell’Integrazione, ha avviato il suo intervento in collegamento video, parlando delle riforme che hanno ribaltato l’impianto iniziale dei SAI. Ha affermato che il sistema di accoglienza funziona, ma bisognerebbe lavorare in previsione per migliorare la qualità dell’accoglienza, non in emergenza. Ha sottolineato la necessità di una riforma legislativa chiara, di personale qualificato e di costruire alleanze coinvolgendo il Terzo Settore.

Il giornalista Bruno Palermo ha parlato dell’importanza della verità nell’informazione sulla storia dei migranti, criticando la narrazione propagandistica. Ha raccontato l’esperienza dello sbarco a Steccato di Cutro, sottolineando che si tratta di persone che inseguono una vita migliore, e non di numeri.

L’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Catanzaro, avv. Giusi Pino, ha descritto le azioni del Comune in termini di servizi, strutture di accoglienza e progettualità. Ha anticipato il lavoro svolto nel settore dell’ospitalità in appartamento e dell’accompagnamento nel percorso di inclusione per una maggiore autonomia, con monitoraggio del servizio. Ha espresso il sogno di realizzare un progetto con un bando candidato dal Comune, consapevole della necessità dell’apporto del Terzo Settore.

Jean Renè Bilongo, FLAI CGIL nazionale e Responsabile del Dipartimento Politiche Migratorie, nonché Presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, ha dimostrato la necessità di una rete per abbattere l’ostracismo politico nel campo della migrazione e affrontare nuove e vecchie sfide. Ha affermato che in Italia l’integrazione è pari a zero e che non ci sono chiare coordinate su che tipo di integrazione raggiungere. Ha sottolineato che la rete non deve essere solo progettualità, ma un approccio sussidiario verticale.

Giornata Solidale e Iniziative Future

Domenica 9 giugno, presso il centro sportivo “Girasole” di Catanzaro, si è tenuta una giornata solidale a sostegno dell’iniziativa “Libera l’informazione – una reporter in prima linea”, promossa dalla reporter di guerra e analista indipendente Giusy Criscuolo. L’evento ha visto la partecipazione di associazioni del territorio e liberi cittadini sostenitori della libertà di informazione. La giornata è stata caratterizzata da sport, attività ludiche e ricreative, un pranzo sociale e una riffa, con il ricavato devoluto a sostegno dell’iniziativa.

Giusy Criscuolo, giornalista freelance nata e cresciuta a Soverato, ha incentrato il suo agire professionale sulla ricerca della verità, sostenendo il diritto del lettore ad essere informato. Ha testimoniato i servizi realizzati nei villaggi curdi, a Gerusalemme, in Afghanistan, Bolivia e Africa, dando voce alle vittime del conflitto ucraino e raccontando gli orrori della guerra. Ha lanciato una raccolta fondi per sostenere le spese di realizzazione dell’inchiesta.

Bullet Executive Summary

L’incontro “MigrAZIONI: sfide per creare opportunità di solidarietà e pace” ha rappresentato un’importante occasione per riflettere sulle sfide e le opportunità legate al fenomeno migratorio. La partecipazione di relatori di alto profilo e l’attenzione alle buone prassi hanno messo in luce l’importanza di un approccio umano e inclusivo.

La migrazione è un fenomeno complesso che richiede politiche integrate e una rete di supporto efficace. La collaborazione tra enti locali, istituzioni religiose e il Terzo Settore è fondamentale per costruire una società più inclusiva e solidale.

*Nozione base: L’invecchiamento della popolazione e la migrazione sono due fenomeni interconnessi. La migrazione può contribuire a bilanciare il declino demografico e a sostenere i sistemi di welfare nei paesi ospitanti.

Nozione avanzata: La sicurezza delle società moderne dipende anche dalla capacità di integrare i migranti, garantendo loro diritti e opportunità. Un approccio inclusivo può prevenire conflitti sociali e promuovere la coesione sociale.

In conclusione, l’incontro ha sottolineato l’importanza di osare e non limitarsi al quotidiano*, diffondendo semi di buone prassi affinché non solo i piccoli borghi, ma anche le città medio-grandi e i capoluoghi possano creare spazi stabili e virtuosi di accoglienza per stranieri.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Un commento

  1. Ho trovato l’incontro molto interessante, soprattutto gli interventi sulla legge regionale. È evidente che servono politiche inclusive e ben strutturate. Peccato che i politici facciano ancora troppo poco!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *