Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Come la Lombardia sta affrontando l’invecchiamento attivo: le politiche in primo piano

La conferenza regionale del 10 luglio a Milano esplora nuove politiche e interventi per migliorare la qualità della vita degli anziani, con la partecipazione di istituzioni, accademici e società civile.
  • La conferenza regionale del 10 luglio coinvolgerà istituzioni, accademici e società civile per discutere politiche di sostegno all'invecchiamento attivo.
  • Un progetto di ricerca nazionale promosso dall'IRCCS-INRCA di Ancona coinvolge la Presidenza del Consiglio dei ministri e la Regione Lombardia.
  • In Emilia-Romagna, le sette settimane di prevenzione del rischio cardiovascolare hanno coinvolto 6500 cittadini e realizzato oltre 2800 screening gratuiti.

La Regione Lombardia si prepara a ospitare un evento di grande rilevanza per il futuro delle politiche sociali e sanitarie: la Conferenza regionale sulle politiche dell’invecchiamento attivo. L’evento, organizzato in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Ricovero e Cura per Anziani (INRCA) di Ancona e la Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia, si terrà il 10 luglio 2024 presso l’Auditorium G. Testori del Palazzo Lombardia, in Piazza Città di Lombardia 1, Milano.

L’incontro, che inizierà alle ore 10:00 e sarà trasmesso in diretta streaming, rappresenta un’importante occasione di confronto tra figure istituzionali, accademici e rappresentanti della società civile. L’obiettivo principale è condividere spunti e informazioni, discutere approcci e metodi per la promozione di politiche e azioni di sostegno per l’invecchiamento attivo.

Un progetto di ricerca nazionale

Il progetto di ricerca nazionale, condotto dall’IRCCS-INRCA di Ancona, è stato sviluppato in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia e la Regione Lombardia. Questo progetto mira a promuovere un invecchiamento attivo attraverso una serie di politiche e interventi mirati. La conferenza del 10 luglio rappresenta un momento cruciale per la condivisione di esperienze e conoscenze tra i vari stakeholder coinvolti.

L’evento vedrà la partecipazione di una vasta rete di stakeholder istituzionali, accademici e rappresentanti della società civile. Sarà un’occasione per discutere e confrontarsi su approcci e metodi innovativi per la promozione di politiche e azioni di sostegno all’invecchiamento attivo. La Regione Lombardia, promotrice dell’evento, ha sottolineato l’importanza di questo momento di confronto per migliorare la qualità della vita degli anziani.

Iniziative locali e prevenzione

Parallelamente alla conferenza di Milano, altre regioni italiane stanno promuovendo iniziative locali per la promozione dell’invecchiamento attivo. Ad esempio, la Regione Emilia-Romagna ha organizzato una serie di eventi e attività per sensibilizzare la comunità sull’importanza della salute, della partecipazione e della sicurezza per il benessere sociale degli anziani.

Tra le iniziative più rilevanti, si segnalano le sette settimane di prevenzione del rischio cardiovascolare, che hanno coinvolto 6500 cittadini e hanno permesso di effettuare oltre 2800 screening gratuiti. Inoltre, il Festival della Salute, organizzato dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con l’Ausl di Bologna e il Comune di Bologna, ha visto la partecipazione di professionisti e volontari in un villaggio della salute e del benessere.

Il ruolo delle politiche multilivello

La promozione dell’invecchiamento attivo non può prescindere da un coordinamento nazionale partecipato e multilivello delle politiche. Il Dipartimento delle politiche per la famiglia, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Riposo e Cura per Anziani (IRCCS INRCA) di Ancona, ha avviato il progetto “Coordinamento nazionale partecipato multilivello delle politiche sull’invecchiamento attivo”.

Questo progetto mira a ottimizzare le opportunità di salute, partecipazione e sicurezza per migliorare la qualità della vita delle persone anziane. Studi internazionali hanno dimostrato che un invecchiamento attivo ha benefici significativi sulla salute fisica e psicologica, aumentando la qualità e la soddisfazione della vita.

Bullet Executive Summary

La conferenza regionale sulle politiche dell’invecchiamento attivo rappresenta un momento cruciale per il confronto e la condivisione di esperienze tra istituzioni, accademici e società civile. L’obiettivo è promuovere politiche e interventi che migliorino la qualità della vita degli anziani, attraverso un approccio integrato e coordinato a livello nazionale e locale.

Nozione base: L’invecchiamento attivo, come definito dall’OMS, è il processo di ottimizzazione delle opportunità di salute, partecipazione e sicurezza per migliorare la qualità della vita delle persone che invecchiano. È fondamentale per prevenire l’isolamento e promuovere il benessere sociale.

Nozione avanzata: Le politiche multilivello e il coordinamento nazionale sono essenziali per affrontare le sfide dell’invecchiamento della popolazione. La collaborazione tra istituzioni, enti locali e società civile permette di sviluppare interventi mirati e sostenibili, migliorando l’efficacia delle politiche di invecchiamento attivo.

In conclusione, la conferenza di Milano e le iniziative locali in Emilia-Romagna rappresentano esempi concreti di come le politiche di invecchiamento attivo possano essere promosse e implementate con successo. Questi eventi offrono un’opportunità unica per riflettere sulle sfide e le opportunità dell’invecchiamento, stimolando una riflessione personale e collettiva sul futuro delle nostre società.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *