Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Carenza di infermieri: soluzioni urgenti per colmare il gap in Italia

L'Italia necessita di 60.000 infermieri per raggiungere gli standard europei. Scopri le cause della crisi e le soluzioni proposte dalla FNOPI.
  • L'Italia necessita di circa 60.000 infermieri per colmare il gap rispetto agli standard europei.
  • Nel 2016, l'Italia contava solo 557 infermieri ogni 100.000 abitanti, contro oltre 1.000 in Germania e Francia.
  • La popolazione anziana nell'UE 28 dovrebbe aumentare del 57% tra il 2015 e il 2080, incrementando la domanda di servizi sanitari.
  • Nel 2023, oltre 6.000 infermieri italiani si sono cancellati dall'albo, esclusi i pensionamenti.

La carenza di infermieri in Italia è un problema che si aggrava di anno in anno, con preoccupanti ripercussioni sul sistema sanitario nazionale. Attualmente, il paese necessita di circa 60.000 infermieri per colmare il gap rispetto agli standard europei. Questo deficit è particolarmente evidente se confrontato con altre nazioni dell’Unione Europea: nel 2016, l’Italia contava 557 infermieri ogni 100.000 abitanti, mentre paesi come Germania e Francia superavano i 1.000 infermieri per 100.000 abitanti. Secondo i dati di Eurostat, in Italia mancherebbero tra 50.000 e 60.000 infermieri, una cifra che è diminuita dal 2016 ad oggi.

La situazione è resa ancora più critica dall’invecchiamento della popolazione. Le previsioni di Eurostat indicano che il numero di persone anziane (età pari o superiore a 65 anni) nell’UE 28 dovrebbe aumentare del 57% tra il 2015 e il 2080. Questo invecchiamento della popolazione determinerà un aumento delle richieste per nuovi servizi e farà crescere la “popolazione fragile”. La Commissione Europea sottolinea che i sistemi sanitari dovranno anticipare le future esigenze di competenze degli operatori sanitari, in particolare degli infermieri, per essere pronti alle esigenze di una società più anziana.

Le Cause della Carenza e le Soluzioni Proposte

La carenza di infermieri in Italia è attribuibile a diversi fattori, tra cui il profilo retributivo poco attraente, l’assenza di percorsi di crescita professionale e la mancanza di autonomia. Una volta assunti in una struttura ospedaliera, gli infermieri aspirano al massimo al ruolo di coordinatore, senza ulteriori possibilità di avanzamento. La Federazione Nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche (FNOPI) ha lanciato un appello per affrontare e risolvere questa questione, sottolineando la necessità di garantire autonomia, investire in competenze, promuovere il merito e riconoscere i risultati.

Secondo la FNOPI, le soluzioni a breve, medio e lungo termine per affrontare la carenza di infermieri includono:

1. *Aumentare il numero di docenti-infermieri nelle università: Attualmente, c’è un docente ogni 1.350 studenti, contro uno ogni sei di altre discipline. Incrementare la qualità e il numero di infermieri è essenziale.
2.
Valorizzazione economica e organizzativa delle competenze specialistiche: Introduzione di corsi di laurea magistrale ad indirizzo specialistico professionale e sviluppo di competenze digitali.
3.
Superamento del vincolo di esclusività: Permettere agli infermieri di esercitare la libera professione a supporto delle strutture sociosanitarie territoriali.
4.
Promozione della cultura della ricerca clinica: Supportare l’innovazione nei modelli di servizio.

Il Confronto con l’Europa e le Iniziative Legislative

Il confronto con altri paesi europei evidenzia ulteriormente la gravità della situazione italiana. Nel 2018, la media europea era di 8,2 infermieri per 1.000 abitanti, con tassi più alti in Finlandia e Germania (13 infermieri per 1.000 abitanti). In Italia, il tasso era di 5,7 infermieri per 1.000 abitanti, peggiore solo di paesi come Cipro, Polonia, Lettonia, Bulgaria e Grecia.

Le iniziative legislative in Italia hanno cercato di affrontare la questione, ma con risultati limitati. Tra queste, il D.M. 2 aprile 2015 n. 70, che definisce gli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera, e il DPCM 12/01/2017, che aggiorna i livelli essenziali di assistenza. Tuttavia, la figura dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità, introdotta dalla legge 17/07/2020 n. 77, rappresenta un passo avanti significativo. Questo professionista opera sul territorio con un orientamento alla gestione proattiva della salute, rispondendo ai bisogni della popolazione in specifici ambiti territoriali e comunitari.

Il Futuro della Professione Infermieristica

Il futuro della professione infermieristica in Italia appare incerto, ma non senza speranza. La pandemia di COVID-19 ha messo in luce l’importanza cruciale degli infermieri, ma ha anche esacerbato la loro carenza. Nel 2023, oltre 6.000 infermieri si sono cancellati dall’albo, esclusi i pensionamenti. La FNOPI stima che circa 20.000 infermieri italiani lavorino all’estero, attratti da migliori condizioni lavorative e retributive.

Per risolvere la carenza di personale sanitario, sono necessarie soluzioni pragmatiche che ripensino i rapporti interprofessionali e investano sull’attrattività delle professioni sanitarie, in particolare quella infermieristica. La FNOPI suggerisce di favorire il rientro degli infermieri italiani emigrati all’estero con incentivi contrattuali ed economici. Inoltre, è fondamentale aumentare il numero di posti disponibili nei corsi di laurea in Infermieristica, che attualmente sono insufficienti rispetto alla domanda.

Bullet Executive Summary

La carenza di infermieri in Italia è un problema complesso e di vasta portata, che richiede interventi a breve, medio e lungo termine. L’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle malattie croniche rendono ancora più urgente la necessità di un numero adeguato di infermieri. La FNOPI ha proposto diverse soluzioni per affrontare questa crisi, tra cui l’aumento del numero di docenti-infermieri, la valorizzazione delle competenze specialistiche e il superamento del vincolo di esclusività.

In conclusione, è essenziale che il sistema sanitario italiano riconosca l’importanza cruciale degli infermieri e investa nelle loro competenze e nella loro formazione. Solo così sarà possibile garantire un’assistenza sanitaria di qualità e rispondere alle esigenze di una popolazione sempre più anziana e fragile. La sfida è grande, ma con un impegno concertato da parte delle istituzioni, delle università e delle organizzazioni professionali, l’Italia può superare questa crisi e costruire un futuro migliore per la sanità del paese.

Nozione base: L’invecchiamento della popolazione è un fenomeno globale che richiede un adattamento dei sistemi sanitari per garantire un’assistenza adeguata. Gli infermieri svolgono un ruolo cruciale in questo contesto, fornendo cure essenziali e supporto ai pazienti anziani.

Nozione avanzata*: La valorizzazione delle competenze specialistiche degli infermieri, attraverso corsi di laurea magistrale e formazione continua, può migliorare significativamente la qualità dell’assistenza sanitaria. Investire nella formazione degli infermieri non solo risponde alle esigenze attuali, ma prepara anche il sistema sanitario a future sfide demografiche e sanitarie.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Un commento

  1. Questo articolo mette in luce un problema grave e persistente. In Italia, il trattamento economico e professionale degli infermieri è davvero vergognoso. È evidente che il nostro governo deve fare di più per attrarre e mantenere questi professionisti. #SupportoPerInfermieri

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *