Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Importante: l’assegno di inclusione rivoluziona il sostegno alle famiglie in difficoltà

Scopri come l'assegno di inclusione sta cambiando il panorama del supporto sociale, sostituendo il reddito di cittadinanza e offrendo nuove opportunità di inclusione.
  • Dal 1° gennaio 2024, l'assegno di inclusione ha sostituito il reddito di cittadinanza.
  • Beneficiari con un ISEE non superiore a 9.360 euro possono accedere al sostegno economico.
  • L'integrazione al reddito può arrivare fino a 7.560 euro annui per nuclei con persone di età pari o superiore a 67 anni.
  • Procedura di richiesta tramite portale INPS o centri di assistenza fiscale, con sottoscrizione del Patto di Attivazione Digitale (PAD).
  • Durata dell'assegno di 18 mesi con possibilità di rinnovo per ulteriori 12 mesi.

L’Assegno di Inclusione (AdI) è una misura nazionale introdotta per contrastare la povertà, la fragilità e l’esclusione sociale delle fasce deboli della popolazione. Dal 1° gennaio 2024, l’AdI ha sostituito il Reddito di Cittadinanza (RdC), offrendo un sostegno economico e promuovendo l’inclusione sociale e professionale. Istituito con il Decreto Legge 48/2023, convertito dalla Legge 85/2023, l’AdI è condizionato al possesso di determinati requisiti e prevede un complesso sistema di erogazione, sospensione e decadenza.

Funzionamento e Requisiti

L’AdI è riconosciuto ai nuclei familiari con un ISEE non superiore a 9.360 euro, che includano almeno un componente in condizioni di disabilità, un minorenne, una persona di almeno 60 anni di età, o un soggetto in condizioni di svantaggio inserito in programmi di cura e assistenza certificati dalla pubblica amministrazione. Il beneficio economico è composto da una componente ad integrazione del reddito familiare, fino a una soglia di 6.000 euro annui, o 7.560 euro annui per nuclei con persone di età pari o superiore a 67 anni, disabili gravi o non autosufficienti. Inoltre, è prevista un’integrazione al reddito per i nuclei familiari residenti in abitazioni concesse in locazione, fino a un massimo di 3.360 euro.

La scala di equivalenza per il calcolo del beneficio prevede un parametro base di 1, aumentato fino a un massimo di 2,3 in presenza di componenti con disabilità grave o non autosufficienza. Il patrimonio immobiliare complessivo non deve superare i 30.000 euro, mentre il patrimonio mobiliare deve essere inferiore a 6.000 euro per nuclei da un solo componente, 8.000 euro per due componenti, e 10.000 euro per tre o più componenti, con incrementi per ogni minorenne successivo al secondo e per ogni componente con disabilità.

Procedure di Richiesta e Erogazione

L’AdI può essere richiesto telematicamente sul portale INPS o presso i patronati e i Centri di Assistenza Fiscale. Il richiedente deve sottoscrivere un Patto di Attivazione Digitale (PAD) tramite il Sistema Informativo per l’Inclusione Sociale e Lavorativa (SIISL). L’erogazione del beneficio è condizionata alla partecipazione a un percorso personalizzato di inclusione sociale e lavorativa, con verifiche periodiche da parte dei Servizi Sociali e dei Centri per l’Impiego.

L’INPS ha fornito dettagliate istruzioni e circolari per la gestione delle domande e dei pagamenti. I pagamenti sono disposti mensilmente, con un calendario specifico per le nuove domande e i rinnovi. La durata dell’assegno è di 18 mesi, con un mese di stop, e possibili rinnovi per ulteriori 12 mesi.

Sospensione, Revoca e Decadenza

L’AdI prevede rigide misure di controllo e sanzioni in caso di inadempienze o dichiarazioni mendaci. La sospensione del beneficio può avvenire in caso di provvedimenti non definitivi di condanna, latitanza, mancata ottemperanza agli obblighi di presentazione ai servizi, o accettazione di un’offerta di lavoro. La revoca comporta la perdita del diritto alla prestazione dalla data della domanda, con obbligo di restituzione degli importi indebitamente percepiti.

La decadenza dall’AdI si verifica in caso di condanna definitiva per reati con pena non inferiore a un anno, mancata sottoscrizione del Patto per l’Inclusione o del Patto di Servizio Personalizzato, assenza ingiustificata a iniziative formative o di politica attiva, mancata accettazione di un’offerta di lavoro congrua, e mancata presentazione di DSU aggiornata in caso di variazione del nucleo familiare. L’assegno decade anche in caso di rifiuto della prima offerta di lavoro congrua.

Bullet Executive Summary

In conclusione, l’Assegno di Inclusione rappresenta un importante strumento di supporto per le famiglie in difficoltà, ma richiede un rigoroso rispetto delle regole e delle procedure. La misura mira a garantire un sostegno economico e a promuovere l’inclusione sociale e lavorativa, ma prevede anche rigide sanzioni per chi tenta di abusarne.

Nozione base: L’invecchiamento e la cura delle persone anziane sono temi cruciali in una società che invecchia rapidamente. L’AdI, con le sue specifiche disposizioni per i nuclei familiari con componenti anziani o disabili, rappresenta un passo avanti nella protezione delle fasce più vulnerabili della popolazione.

Nozione avanzata: Le migrazioni e l’inclusione sociale dei migranti sono sfide complesse. L’AdI, estendendo il beneficio anche ai cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno UE e residenti in Italia da almeno cinque anni, riconosce l’importanza di integrare i migranti nel tessuto sociale ed economico del paese, promuovendo una società più inclusiva e coesa.

Riflettendo su queste tematiche, è evidente come l’AdI non sia solo un sostegno economico, ma un mezzo per costruire una società più giusta e solidale, capace di rispondere alle esigenze di tutti i suoi membri.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Un commento

  1. Finalmente una misura concreta per aiutare le fasce più deboli! Sicuramente l’AdI è migliore del vecchio RdC. Speriamo che l’attuazione sia all’altezza.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *